top of page
ANIMATAZINE

RAFI MARTIN JULIKA MAYER

Rafi Martin opera nel campo delle arti dello spettacolo, unendo la sua duplice formazione di marionettista contemporaneo e antropologo-sociologo. Sviluppa una pratica artistica che intreccia l'animazione della materia con una metodologia di ricerca sul campo. Collabora in modo privilegiato con Julika Mayer e Joachim Fleischer, e ha lavorato in particolare con Elise Vigneron, Coco Fusco, Pierre Meunier e Marguerite Bordat, Michael Cros, Renaud Herbin.

 

Julika Mayer, marionettista laureata presso l'ESNAM nel 1999. È stata co-fondatrice di La Où - Marionnette Contemporaine insieme a Renaud Herbin, lavorando sulla marionetta contemporanea e il teatro degli oggetti dal 2000 al 2011. Dal 2011 è direttrice del dipartimento Teatro di figure alla HMDK, Università di Musica e Arti Sceniche di Stoccarda, Germania. Numerosi i progetti e le collaborazioni che svolge a livello internazionale. Ha avuto come suo studente Rafi Martin. Nel progetto Resonancias ha intrecciato con Rafi un dialogo artistico, a lungo termine. "

 

 

Resonacias, ultima creazione di Rafi Martin che ha debuttato in Francia nel dicembre 2023, è un'installazione performativa che richiama uno spazio magnetico e sonoro. Il pubblico è invitato a animare campi magnetici, meteoriti e calamite, entrando in risonanza con lo spazio installato. In questo dispositivo, il magnetismo e l'attrazione sono al centro di ciò che si svolge tra il pubblico di esseri umani, e il minerale. La sospensione, lo spazio e le persone diventano un gioco in cui forze invisibili giocano tra loro.

Rafi Martin svela le tappe del suo percorso unico che attraversa l'antropologia, la sociologia, per fiorire nell'universo delle arti delle forme animate.
 
"Ero affascinato dall'antropologia. Quello che adoravo era fare lavoro sul campo, creare un contesto favorevole per chiedersi come andare a cercare."
 
Il suo viaggio inizia in Norvegia, in una famiglia Saami, esplorando la pastorizia delle renne.
 
Intrigato, intraprende una ricerca che lo porta fino in Siberia, dove gli orizzonti si ampliano, ma, tra l'idea e il terreno, emerge un conflitto interiore.
 
"Lo spazio delle idee è affascinante, ma collegare la teoria e il terreno mi sfuggiva. Sedere 8 ore al giorno per leggere e scrivere contrasta con l'immediatezza del campo, che necessita di collegare intuizioni e tempi di attesa affinché qualcosa accada.

Ascoltare il fatto che non comprendiamo tutto e che è necessario chiedersi quali sono le domande che permettono di creare uno spazio di comprensione condivisa con le persone sul posto.

Mi piaceva questo approccio, ma il modo di esprimere le idee in antropologia mi respingeva, poiché vincola il corpo e la parola".

 
Sorge la necessità di rompere con la rigidità accademica dell'antropologia. Rafi cerca una fusione tra riflessione intellettuale e connessione fisica con il terreno.
 

RAFI MARTIN - RESONANCIAS ©photo Rafi Martin
pallottola.png

Rafi Martin - Resonancias - ©photo Rafi Martin

L'intuizione nasce assistendo a uno spettacolo di Claire Heggen.

"Mi è apparso ovvio che tra il teatro delle forme animate e una certa forma di ricerca antropologica ci sono incroci possibili, nella semplice animazione di articolazioni che sono, alla fine, anche concetti".

 

Questa rivelazione lo porta a candidarsi alla scuola di marionette contemporanea di Stoccarda, dove Julika Mayer è direttrice. All'uscita dalla scuola, la sua ricerca prende forma. Ogni progetto diventa un intreccio di esperienze, dove l'antropologia funge da bussola per esplorare il palcoscenico, gli oggetti e i materiali.

 

"Quello che ho imparato alla scuola di Stoccarda è un modo di mettersi al servizio di una relazione con oggetti e materiali che ci chiede di accettare di non sapere, e mi piace, perché ci impegna in un processo di ricerca particolarmente attivo".

 

Resonancias, l'ultima creazione di Rafi, mette alla prova questo dialogo tra antropologia e forme animate, cristallizzando la ricerca intorno all'universo minerale, in particolare quello delle meteoriti, cercando di capire come il modo molto particolare, sensibile e sensoriale, del team di geologi dell'Istituto Milenio de Astrofísica d'Antofagasta applicato per trovare le meteoriti nel deserto di Atacama in Cile, possa tradursi in un'installazione in cui il pubblico partecipa a interazioni sia tra persone che con la materia, in uno spazio di risonanza.

Rafi Martin - Resonancias ©photothomasbohl

Rafi Martin - Resonancias - ©photo Tomas Bohl

La traiettoria di Rafi con le meteoriti inizia a Parigi nel giorno in cui visita il Museo di Storia Naturale e, dove, nell'ultima sala, sente Millarca Valenzuela, geologa specializzata in meteoriti, dire che "Trovare una meteorite significa entrare in risonanza".
 
Questa frase colpisce profondamente Rafi. Per capire il significato profondo di questa affermazione di Millarca, decide di recarsi in Cile, accompagnato da una squadra di artisti, tra cui Julika Mayer, nel luogo più arido del mondo, un deserto di sale che conserva estremamente bene le meteoriti: il deserto di Atacama.
 
"Millarca Valenzuela ci ha spiegato che in Atacama bisogna capire che la terra e tutto ciò che è inanimato sono considerati come qualcosa di animato, con uno spirito. Questo è veramente il modo in cui qualcuno nel campo del teatro delle forme animate parlerebbe. Ed è affascinante andare dall'altra parte del mondo, e incontrare una scienziata che parla in questo modo..."

"In questa esperienza, ciò che mi ha particolarmente colpito - ricorda Julika - è la proposta di scienziati che considerano di praticare la scienza in modo alternativo, una modalità che chiede di non rifugiarsi in una visione super razionale della scienza, dove tutto sarebbe prevedibilmente spiegabile e legato ai fatti.


Millarca ci ha spiegato il modo in cui praticano la ricerca delle meteoriti. Avanzano  a pettine nello spazio desertico, fianco a fianco, non per trovare le meteoriti, ma per permettere alle meteoriti di trovarli.

È un movimento di un coro che cammina nello spazio.

Per questi geologi, per farci trovare dalle meteoriti, è necessario instaurare un silenzio interiore ed essere in risonanza.

Se la persona che cammina accanto emette rumore, non dalla bocca ma un rumore interiore, se il tumulto è troppo grande, potrebbe non funzionare.


Quindi è essenziale creare questo silenzio interiore all'interno del gruppo. Mi è sembrato straordinario, perché è esattamente ciò che cerchiamo di raggiungere sulla scena. Millarca applica questi principi nella sua pratica di geologa, ma sono gli stessi strumenti della nostra pratica teatrale". 

Questa scoperta di un modo diverso di considerare il minerale come un elemento carico di una vita sensibile evoca in Rafi la necessità di prendere molto sul serio i suoi partner di gioco, che siano pietre o persone...
 

Rafi Martin - Resonancias - ©photo Rafi Martin

Rafi Martin - Resonancias - ©photo Rafi Martin

Così, Resonancias, un'esplorazione nata dalla ricerca di un senso comune tra antropologia e forme animate, si è progressivamente trasformata in un'installazione performativa in cui, tra l'altro, 5 piccoli frammenti di una stessa meteorite caduta in Argentina 5000 anni fa che pesano circa 200-250 g, calamite rotonde di dimensioni diverse e lastre di metallo sospese, rivelano il loro rapporto unico con la gravità, in cui un contatto diretto non è necessario, ma possibile. 

"Il ferro meteoritico, più denso della maggior parte delle rocce terrestri, non è presente in superficie. Risiede all'interno della terra, su pianeti o asteroidi. Nonostante le loro piccole dimensioni, a causa della loro massa, questi corpi densi hanno una durata di rotazione prolungata, diversa dagli oggetti meno densi. Le meteoriti cadono costantemente, cadono sulla terra, si schiantano, ci sfiorano, ma in realtà, stanno sempre cadendo". 

Invitare il pubblico a condividere un momento minerale induce a fermarsi, permettendo alle persone di percepire le meteoriti come se si potesse sospendere l'istante continuo in cui cadono.  

L'esperienza diventa un invito tattile, una pausa per sfiorare questi frammenti di storia profonda e metterli in relazione.

E in questa pausa, cercare di far calare la frequenza del rumore interiore dei partecipanti all’installazione performativa, per accedere a uno spazio di silenzio interiore e a una forma di autonomia del gesto e della relazione, dell'articolazione e della comunicazione. Le meteoriti diventano partner di danza, invitando i partecipanti a cambiare prospettiva ed esplorare l'eternità in un istante. 

"Trovo abbastanza ispirante questo modo di fermare il tempo per un istante". 

Forse, è in questo istante di sospensione che Rafi trova l'alleanza delle parti al di là del conflitto, invitandoci ad accedere a questa dimensione più ampia e profonda del sentire e del comprendere.

Rafi Martin - Resonanacias - ©photo Rafi Martin

Rafi Martin - Resonancias - ©photo Rafi Martin

pallottola.png

LINKOGRAFIA

pallottola.png
bottom of page