ANIMATA

ZINE

ANIMATAZINE Alessandra Amicarelli.gif

Alessandra Amicarelli

Marionettista, scenografa, regista, performer, formatrice, artista poliedrica creatrice di spettacoli, installazioni, esperienze di teatro animato contemporaneo, proviene da un lungo percorso artistico professionale di livello internazionale. Dopo il diploma in scenografia dell'Accademia di Belle Arti di Brera, pluriborsista, si forma per tre anni presso l'Ecole Nationale Supérieure des Arts de la Marionnette di Charleville-Mézières dove incontra maestri di tutto il mondo. Inizia da allora un intenso percorso di creazione che la porta a vivere e lavorare oltre 15 anni in Francia. Tornata a Milano, città natale, apre lo Spazio Laboratorio Fontanili, luogo di ricerca, creazione e sviluppo dei linguaggi del teatro animato.

ANIMATAZINE Valeria Sacco ok.gif

Valeria Sacco

Diplomata come attrice presso la Scuola Paolo Grassi di Milano, nel 2002, comincia un percorso di ricerca nell'ambito dei diversi linguaggi del Teatro di Figura Contemporaneo e scopre che più che recitare, quel che l'appassiona, è animare. Con Marco Ferro nel 2004, fonda la Compagnia Riserva Canini, luogo dell'immaginario e dell'impossibile, dove è interprete, animatrice, autrice e costruttrice dei materiali di scena per i suoi spettacoli con tourné nazionali e internazionali in Europa, Asia e Latino America. Dal 2019 è docente di Teatro di Figura Contemporaneo presso la Scuola Paolo Grassi di Milano e di Animazione presso ANIMATERIA.

ANIMATAZINE Angela Forti.gif

Angela Forti

Dopo gli studi scientifici, nel 2021 si laurea in Arti e Scienze dello Spettacolo a Roma. Studia pianoforte nei conservatori di La Spezia e Roma. Scrive di critica teatrale e performativa con Teatro e Critica. Nel 2019 frequenta il corso Animateria, dal quale nasce la sua compagnia, Hombre Collettivo. Dal 2020 è consigliere UNIMA Italia. Data l’età, ancora preferisce non definirsi, ma sperimenta, studia e incontra. Data l’età, crede ancora fortemente in un mondo migliore.

ANIMATAZINE Beatrice Baruffini.gif

Beatrice Baruffini

Si laurea nel 2004 in Scienze della Comunicazione con una tesi sul documentario di creazione in Italia. Nel 2005 inizia un lungo percorso di collaborazione come attrice, formatrice, regista e co-direttrice artistica con il Teatro delle Briciole di Parma, dove resterà fino al 2019. È docente del corso Animateria, co-direttrice artistica di Insolito Festival, formatrice teatrale. Fa parte dell'associazione  Micro Macro che si muove nell'ambito del teatro e della creazione di azioni e progetti culturali a Parma. Infanzia e oggetti sono le porte attraverso le quali osserva il mondo: con la prima condivide gli sguardi e i linguaggi ancora in formazione, dei secondi la affascina il loro essere così pronti a rinascere per effetto di usi poetici, metaforici, significanti. 

ANIMATAZINE Marco Ferro.gif

Marco Ferro

Autore e regista di spettacoli per il teatro e per l’audiovisivo, docente di Teatro di Figura, formatore. Nato a Firenze, compie gli studi accademici di teatro a Milano, diplomandosi in Drammaturgia in Paolo Grassi e frequentando la masterclass in Regia al Piccolo Teatro. Appassionato, prosegue gli studi occupandosi di figura e di teatro animato, fonda la Compagnia Riserva Canini, con la quale negli anni produce spettacoli e ateliers in Italia e all’estero. In ambito teatrale e lirico ha lavorato per vari enti: è stato performer, burattinaio, ombrista, aiuto tecnico, assistente scenografo, instancabile facchino e autista discreto. Ama scarabocchiare il proprio teatro sulla carta e costruire i propri racconti con le mani. Vive e lavora a Milano.

alessandro.gif

Alessandro Palmeri

Regista, video maker specializzato in installazioni e video mapping con software di ultima generazione, professore di ruolo di Discipline Audiovisive e Multimediali. Dopo il doppio diploma in Scenografia all’Accademia di Belle Arti e in Regia alla Scuola di Cinema di Milano realizza video esposti alla Triennale di Milano e fonda un suo gruppo di creazione e produzione video: Altri Luoghi Comuni. Suoi videoclip, cortometraggi, documentari sono selezionati e presentati in vari Festival Internazionali e nelle emittenti televisive nazionali. Firma creazioni video per Triennale di Milano, Ermenegildo Zegna, Expo-2015, Moleskine, Miart etc. Per le sue creazioni video in ambito teatrale ha ricevuto il fondo Dicream dal Centre National du Cinema e de l’Image Animée (Francia).

cristina 2.gif

Cristina Grazioli

Insegna Storia ed Estetica della Luce in Scena e Teatri di Figure, Storie ed estetiche all’Università di Padova. Fa parte di vari Comitati scientifici internazionali, tra i quali il Conseil Scientifique dell’Institut International de la Marionnette di Charleville-Mézières, ed è Membre associée del Laboratoire CEAC (Centre d’étude des Arts Contemporains) dell’Universitàdi Lille dove co-dirige con Véronique Perruchon il programma Lumière de Spectacle. Responsabile del progetto Dire Luce. Le parole e le cose che illuminano la scena.

mariano.gif

Mariano Dolci

Inizia a collaborare con la compagnia del "Teatro Sperimentale dei Burattini di Otello Sarzi". Nel 1970 viene assunto dal Comune di Reggio Emilia per sostenere le potenzialità educative dei burattini negli asili nido e nei centri comunali per l'infanzia. Ha ideato e diretto il "Laboratorio di Animazione", dedicato a Gianni Rodari. Presso l'ospedale psichiatrico “San Lazzaro” ha svolto attività a diretto contatto con pazienti adulti al fine di verificare le implicazioni terapeutiche della costruzione e animazione dei burattini. Ha proseguito la sua attività con pupazzi "terapeutici" in altri contesti sanitari (scuola per educatori, asili nido, ospedale psichiatrico giudiziario). È stato invitato in Italia e all'estero a tenere conferenze, seminari e conferenze, e tiene regolarmente corsi teorici e pratici presso l'associazione Rosa Sensat di Barcellona. Collabora con l'insegnamento del teatro di animazione della Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università degli Studi di Urbino. Ha all'attivo diverse pubblicazioni sull'uso dei burattini e delle ombre nei tre diversi contesti in cui possono essere incontrati: teatro, educazione e attività di mediazione nella cura o nel lavoro sociale.