top of page
ANIMATAZINE

PETER SCHUMANN

Peter Schumann è il direttore artistico e co-fondatore, insieme ad Elka Schumann, del Bread & Puppet Theater.

 

Nato in Slesia nel 1934 si è trasferito negli Stati Uniti nel 1961 e nel 1963 ha fondato a New York City il Bread & Puppet Theater. Nel 1970 si è trasferito nel Northeast Kingdom del Vermont, stabilendosi poi nel 1974 in una fattoria a Glover, dove la compagnia risiede e si esibisce ancora oggi.

Con la sua compagnia, Schumann ha creato decine di spettacoli con i quali ha viaggiato per le strade e i teatri nelle Americhe, in Europa, nell'Africa del Nord e in Asia.

Le marionette giganti di Peter Schumann appaiono per la prima volta nel 1965 nelle parate per le strade di New York, in segno di protesta contro la guerra del Vietnam: da allora animeranno gli spettacoli della compagnia diventandone un segno distintivo, contribuendo in modo significativo a definire la performance come risposta artistica alle sfide del mondo moderno.

 

La compagnia è stata spesso associata al New American Theatre, un movimento d'avanguardia che include gruppi con estetiche tanto varie come quelle del Living Theater, del San Francisco Mime Troupe, di Robert Wilson e di molti altri.

 

Il Bread and Puppet Theater di Peter Schumann è riconosciuto come una delle forme principali del teatro contemporaneo nel mondo.

pallottola.png

L'IMMAGINE DEL PANE SIMBOLEGGIA IL LEGAME PROFONDO TRA UOMO E TERRA, ESSENDO PRODOTTO DEL LAVORO UMANO E DELLA NATURA.
IN CHE MODO IL PANE, CHE IERI COME OGGI RAPPRESENTA IL NUTRIMENTO ESSENZIALE CONDIVISO DURANTE LE VOSTRE RAPPRESENTAZIONI TEATRALI, SI INTRECCIA CON IL SIGNIFICATO DELLE MARIONETTE NEL BREAD AND PUPPET THEATER?

Il termine “pane” nel linguaggio popolare in America significa denaro, mentre nel resto del mondo significa cibo.

Il cibo è sacro, il denaro non lo è.

Quando mia moglie faceva visite guidate al Museo del Bread and Puppet, iniziava sempre con il forno del pane.E diceva che questo teatro si chiama "Pane e Marionette", non "Marionette e Pane". Si tratta di pane prima di tutto e poi, in secondo luogo, di marionette. 

Il pane è l'antico pane che i contadini del Medioevo, consumavano per sopravvivere.

Il segreto è che la segale di cui è fatto è una pianta robusta che cresce ovunque, anche nei terreni poveri. Anche in Mongolia mangiano il pane di segale perché la segale cresce nel deserto. È una cosa piuttosto sostanziosa.

Questa era la pianta grazie alla quale i contadini sopravvivevano, diventando abbastanza forti per fare le rivoluzioni nel 1400, nel 1500 e nel 1600, nei borghi, dove erano una parte essenziale della vita sociale.

Queste rivoluzioni avvenivano continuamente, finché Lutero, il non-radicale signor Lutero, che ha tradotto la Bibbia in modo così piacevole e che ha deciso di schierarsi con l'aristocrazia e la borghesia,  ha distrutto i principali capi rivoluzionari che lo contestavano, li ha pubblicamente impiccati e torturati per liberarsi delle rivoluzioni contadine.

Avremmo avuto la rivoluzione socialista nel XVI secolo o anche prima, nel XV secolo, ma a causa di Lutero, non c'è stata alcuna rivoluzione.

Peter Schumann - Serie Mother Dirt - Lenzuola dipinte, 2023 - Con gentile concessione di Peter Schumann e del Bread and Puppet Theater

Io sono un mangiatore di pane di segale.
 
In Slesia, il paese da cui vengo, la gente mangia segale, il grano lo usiamo per il pane delle feste, ma non è una cosa seria, è come la torta. Il vero pane è il pane di segale. Ho semplicemente ereditato l'abitudine di fare il pane che mi è stata trasmessa da mia madre.
 
Non abbiamo mai mangiato altro che il vero pane per tutta la nostra vita, 5 figli.
 
Eravamo rifugiati, costretti a fuggire dalla Slesia, e vivevamo sulla segale che raccoglievamo nei campi, da ciò che coltivavano gli agricoltori.
 
I rifugiati andavano dietro di loro, al momento del raccolto.  Noi raccoglievamo i chicchi che restavano, avevamo un piccolo macinino da caffè e contavamo i chicchi e mia madre faceva il pane.
 
C'era un grande forno comunale nel villaggio. Una volta alla settimana tutto il villaggio si riuniva portando i propri filoni di pane con un segno distintivo sopra; c'era un panettiere che faceva il fuoco e cuoceva i filoni. Un'ora dopo, quando il pane usciva, era buono per una settimana.
 
Questa è la vera storia.
 
In America quando sono arrivato qui, beh… Gli americani sono leggermente fuori di testa, non lo sanno,  perché mangiano il Wonder Bread*. Ed è una sostanza che danneggia il tuo cervello quasi immediatamente. Senza masticare, lo inghiottono, e così ottieni un danno cerebrale. Non fa bene per nulla.

*Wonder Bread è un marchio iconico di pane negli Stati Uniti, noto per il suo pane bianco morbido e soffice. Introdotto negli anni '20, è diventato famoso per essere uno dei primi pani confezionati. Conosciuto per il suo packaging colorato e caratteristico, Wonder Bread è diventato un simbolo culturale americano, rappresentando il pane da sandwich classico per le famiglie americane. Si tratta di un pane iper processato, ricco di additivi, alto contenuto di carboidrati, basso contenuto di fibre, presenza di additivi, scarso valore nutrizionale.
(Nota della redazione)

Peter Schumann - Serie Mother Dirt - Lenzuola dipinte, 2023 - Con gentile concessione di Peter Schumann e del Bread and Puppet Theater

Sono arrivato a New York nel 1961, mi unii alla Lega di Resistenza alla Guerra per organizzare una manifestazione antiatomica.

L'idea era di fare un’azione basata sulle danze della morte del MedioEvo, ma a Fourteenth Street, nello studio di Cunningham, i ballerini non erano interessati ai movimenti semplici della mia danza pedestre.

Così, reclutai alcuni amici del custode del palazzo dove vivevo, non più giovanissimi e consumatori di LSD, che divennero la mia prima compagnia.

Nonostante il divieto di mia moglie sull'uso di droghe, le nostre performance erano eccellenti, anche se io mi limitavo alla birra.

In seguito, alla Putney School nel Vermont, dove a mia moglie fu offerta una posizione come insegnante di russo, io volevo insegnare danza, ma il corpo docente era restio ad affrontare temi legati alla morte come le mie danze di protesta. dicevano "No, non trattiamo di morte, trattiamo di vita, non puoi farlo…".

Così dissi: “Oh, beh…. allora… mah… cosa ne dite del teatro di marionette?”

Risposero: “Va bene, insegna teatro di marionette”.

E così abbiamo iniziato a fare teatro di marionette. È successo così.

Sembrava una cosa abbastanza innocente, non avrebbero mai sospettato che ci fosse un contenuto nelle marionette.
 
Ma in realtà, ero un marionettista già da bambino.
 
Perché i miei genitori erano amici di burattinai, professionisti molto noti e così ricevevamo sempre come regali pesanti burattini fatti di legno.
 
Il nostro intrattenimento a casa per Natale, i compleanni, le feste consisteva nel mettere una coperta tra due sedie e facevamo uno spettacolo con i burattini.
 
In seguito, quando diventammo rifugiati, i nostri genitori ci permisero di prendere una piccola borsa preziosa ciascuno. E io scelsi di metterci i burattini.

Nel villaggio sul Mar Baltico, dove eravamo rifugiati, giravo per tutto il villaggio: piccole case, capanne con tetti di paglia, baracche, edifici fatiscenti.
 
Bussavo a tutte le porte.
 
I soldati erano internati, prigionieri di guerra. Avevano una tenda e feci la stessa cosa. Mettevo una coperta tra due sedie e intrattenevo la comunità del villaggio, i soldati, con questi spettacoli di burattini, che facevo nello stile di Kasper.
 
Non dovevi inventare una storia, la storia era lì, dentro i burattini.
 
C’era Kasper, Gretel, il Re, la Regina, la Principessa e il Fantasma, non era necessario pensarci.
 
I pupazzi stessi erano la storia, era così facile.
 
Questo era il nostro teatro dei burattini nella nostra famiglia. Era tutto già lì.

Peter Schumann - Serie Mother Dirt - Lenzuola dipinte, 2023 - Con gentile concessione di Peter Schumann e del Bread and Puppet Theater

La tradizione delle marionette è quella di divertire i bambini. Ciò che lo fa apprezzare anche dalle mamme e dalle nonne. Ma questo è insufficiente. 

Le marionette raffigurano demoni, sono antiche narratrici e antichi collegamenti a cose che le persone hanno dimenticato da tempo. Non si tratta di una semplice forma di intrattenimento.

Sono troppo noiose per questo, e anche troppo interessanti. Non va bene considerarle come un ramo della cultura specializzato nell'intrattenimento. L’intrattenimento è semplicemente una sciocchezza, è superfluo.

Ricordiamoci il carnevale medievale e il suo spirito ribelle: le effigi, dai burattini ai giganti di cartapesta, incarnavano la satira popolare nei festeggiamenti europei.

Questi simboli venivano usati per schernire l'autorità, permettendo alla gente di esprimere dissenso in modo grottesco, come lanciare escrementi contro figure di ecclesiastici. Non era il vero Papa a essere colpito, ma piuttosto il Cardinale in sua rappresentanza.

Quest'atto, sebbene simbolico, non alterava l'ordine stabilito; la Chiesa tollerava tali manifestazioni in quanto fungevano da valvola di sfogo.

L'intento era deridere i potenti, farli scendere dal loro piedistallo. Fare del re un buffone, perché qualsiasi buffone farebbe qualcosa di più grande del re.

Questo è ciò che la marionetta fa. Sono sicuro che se esiste un paradiso, è sicuramente meritato per le marionette.

Quando vado sul nostro soppalco, sopra al museo, c'è un ampio spazio dove vengono conservate molte cose.
 
Per raggiungere un lato di quel soppalco e trovare una marionetta che vuoi utilizzare, devi calpestare, schiacciare, distruggere tante altre marionette.
 
Arrivato lì, hai distrutto un'intera popolazione di marionette: queste distruzioni sono molto utili. Sono molto reali.
 
Queste marionette distrutte servono a scopi che le altre marionette non possono avere. Hanno braccia rotte, ferite. Hanno nasi che non esistono più. Hanno occhi che facevano qualcosa. 

È come la guerra. Ridotto così dalla guerra.
 
Alla fine dell'estate facciamo dei roghi, accumuliamo le marionette formando una grande struttura simile a una cattedrale, prendiamo molte di queste cose e le bruciamo, festosamente, con birra in abbondanza: tutte sussurrano qualcosa prima di bruciare.

Mother_dirt_44.jpg

Peter Schumann - Serie Mother Dirt - Lenzuolo dipinto, 2023 - Con gentile concessione di Peter Schumann e del Bread and Puppet Theater

TRA LE NUMEROSE FIGURE DI MARIONETTE CHE HAI CREATO, RICORDIAMO MADRE TERRA, FORZA ICONICA E SIMBOLICA TALE DA RISULTARE MITICA.
COME È EVOLUTA QUESTA FIGURA IN RELAZIONE ALL’UMANO NEL TEMPO?

Ti racconto come è nata.

Abbiamo un grande vecchio fienile a 4 piani in stile Vermont, che vuole spostarsi a sud perché è scomodo nel terreno argilloso intorno. Così, ci sono sempre problemi con le fondamenta e con la cantina sotto l'edificio, abbiamo sempre persone che devono sistemare una cosa o l'altra. 

Un giorno, il nostro amico Joe Wesley, con un trattore, ha tolto un bel po' di argilla da sotto la cantina e l'ha depositata fuori. 

Quando ho visto quella catasta di terra, ho notato un volto molto evidente, così ho preso una pala, ho livellato un po'  la terra e quella è diventata Mother Earth.
 
Prendiamo il cartone, lo strofiniamo nell'acqua per scioglierlo nei suoi strati di carta, che diventano belli e resistenti. Da quarant'anni ormai, utilizziamo l'amido di mais come colla,
che cuociamo per trasformarlo in colla e spalmarlo sulla carta: così abbiamo dato la vita a Mother Earth e ad altre creature.

Ora la chiamiamo Madre Dirth (*). La parola 'Dirt' è un termine interessante qui negli Stati Uniti, perché le persone qui in campagna non chiamano la terra 'Earth', la chiamano 'Dirt', il che è singolare…
 
Normalmente, in molte lingue, si chiama terra ciò che si scava. Ma nel gergo della zona, 'dirt' è quello con cui lavori, quello che usi per fare il tuo giardino.

Per me chiamarla Mother Dirt è pura realtà, è solo un leggero cambiamento di nome. Non è un personaggio diverso. Significa solo che per noi è qualcosa di più di una semplice figura.
 
Mother Earth è una figura presente nelle fiabe e nei libri per bambini, almeno in Germania. Quindi ho riflettuto su come renderla più essenziale, questo viene significato meglio con Mother Dirt. 

Lei è ciò di cui le persone sono fatte, ciò di cui sono composte dopo la morte. Quindi, questo ne dà un senso più ampio. 

Facciamo una messa solo per lei, solo per la Terra: spargiamo la terra sulle scarpe o sulle mani delle persone prima che entrino… Se vogliono, possono mangiarla, ma non sono in tanti che lo fanno però.

Quando esce all’aperto, è davvero un'apparizione: con le braccia aperte ha un raggio di 60 piedi circa, da un'estremità all'altra a livello di dita, una distanza tale che ha bisogno di circa 60 persone per essere spostata sopra il campo.
 
Nell’azione, abbiamo i nostri eserciti di facinorosi che vengono distrutti, lei arriva e può resuscitarli. Può rialzarli. Dare loro una nuova vita. Può scuoterli. Può cambiarli. Questo è il suo compito. 

Lei prende una torcia in mano, viene e incendia i grandi capri espiatori, i generali o chiunque essi siano, o la pace stessa.

Lei ha tutti i compiti vitali in questa situazione: è colei che abbraccia, colei che resuscita. 

Fa tutte le cose che le persone non possono fare, come quella che sta accadendo proprio ora, i genocidi.

*Negli Stati Uniti, "Dirt" e "Earth" hanno connotazioni diverse, sebbene siano correlate. "Dirt" si riferisce spesso al suolo in uno stato sciolto e non raffinato, a volte con associazioni negative (ad esempio, qualcosa di indesiderabile o sporco). È comunemente usato nel linguaggio quotidiano per descrivere il terreno che si potrebbe trovare in un giardino o che macchia i vestiti. D'altra parte, "Earth" ha una connotazione più ampia, neutra o positiva, che comprende le masse terrestri del pianeta o il suolo in senso generale. Nonostante queste differenze, in una conversazione informale, i termini possono a volte essere usati in modo interscambiabile quando si fa riferimento al terreno o al suolo. 
(nota della redazione)

mother_dirt_30.jpg

Peter Schumann - Serie Mother Dirt - Lenzuolo dipinto, 2023 - Con gentile concessione di Peter Schumann e del Bread and Puppet Theater

COSA SIGNIFICA PER TE, OGGI, ABITARE UN TERRITORIO NATURALE E ANIMARLO COSTANTEMENTE CON AZIONI PERFORMATIVE E ARTISTICHE?

Il fatto di essere qui in campagna è totalmente pervasivo e intenso, non è questione solo di occuparsi della terra, che è totalmente importante.
 
Qui è il punto in cui i fiumi che scorrono verso nord si dividono. I genitori di mia moglie Elka avevano scelto questa fattoria perché per sua madre qui c’è la migliore acqua che si può trovare in tutto il mondo.

I fiumi sono pieni di argilla. Andando al fiume, scavando fuori l'argilla poco a poco, ho costruito forni per il pane. E cuociamo il pane in quei forni, ed è incredibile cosa può fare per te un forno di creta per il pane.

Oggi io cuocio così: faccio il fuoco per un’ora, con 2 secchi di buon legno di pino, poi per 24 ore cuocio il pane. Non c'è nessun confronto con nessun altro cibo.

Quello che ottieni con questi forni di creta non puoi imitarlo.

Questa è stata una ragione, e poi c'era la bellezza del paesaggio: collinoso, con una foresta di pini e una bellissima distesa di prati di circa 30 acri. 

Quando siamo arrivati qui il padre di Elka aveva venduto la ghiaia di una delle colline della fattoria per costruire l'autostrada locale. Il giorno in cui sono arrivato, avevano finito di scavare e stavano per riempire il buco che avevano creato.
 
Io dissi: “No! Questo è un anfiteatro! Lasciatelo così!”.
 
Sono riuscito a fermarli appena in tempo, e così è rimasto questo anfiteatro in cui si possono raccogliere 10-20 mila per assistere a degli spettacoli.

Qui possiamo realizzare le entrate delle marionette da mezzo miglio di distanza per portarle in scena. E siamo in grado di fare cose radicali, come bruciare effigi di capri espiatori pieni di parole cattive di cui ci si deve liberare.

Possiamo fare tutte queste cose, come creare spettacoli enormi, che altrimenti non si potrebbero fare da nessun'altra parte.
 
È solo nel paesaggio che si possono creare marionette della grandezza degli alberi che possono avere senso per migliaia di persone. Risultano naturali solo entrando lì, in quello spazio.

Il tramonto è una parte importante dello spettacolo, con le cose che bruciano al buio dopo il tramonto.

Noi diciamo sempre al pubblico: “Guardate, se vi annoiate con lo spettacolo, tutto quello che dovete fare è alzare gli occhi e vedrete le nuvole cumuliformi che passano. C'è uno spettacolo molto più grande che si svolge lassù...”