ANIMATAZINE

YACOUBA MAGASSOUBA

Yacouba Magassouba è regista, marionettista, direttore artistico della Compagnia Nama a Bamako in Mali, un mix di marionette che incorpora la danza e la maschera accompagnata da ritmi tradizionali, canti e percussioni.

É stato introdotto e formato all’arte della marionetta da suo nonno e poi da suo zio, il Maestro Marionettista Yaya Coulibaly.

Il suo lavoro lo ha portato in tournée in tutto il mondo: Burkina Faso, Spagna, Belgio, Canada, Francia, Lussemburgo, Germania, Martinica, Costa d'Avorio, Benin, Repubblica Africana, Senegal, Niger, Congo, Guinea.

Presidente dell'associazione Art, Marionette, Musique, Clowns et Danse dans nos rues Direttore del Festival Rendez-Vous Chez Nous à Bamako, il primo festival dell'arte di strada in Mali, Presidente di Unima Mali.

Uno dei suoi principali impegni è quello di formare le giovani generazioni all'arte della marionetta: più di una dozzina di corsi sono stati organizzati negli ultimi anni.

I suoi spettacoli combinano l'intrattenimento con la sensibilizzazione del pubblico su importanti questioni sociali come la coesione sociale, la frequenza scolastica o la violenza contro le donne.

Nel 2023 debutterà lo spettacolo Per la difesa del Fiume Niger, in cui i temi della protezione ambientale delle acque del Niger saranno messi in scena in un percorso lungo le sponde del fiume a Bamako.

COME È DIVENTATO MARIONETTISTA?

Sono originario di Danga, cercle de Kangaba, regione di Koulikoro. 

Il mio ricordo d'infanzia è la festa del villaggio: è una festa tradizionale annuale, noi bambini eravamo sempre lì, c'era la maschera Nama, c'erano le marionette, e questo mi ha dato il desiderio; da quando ero molto piccolo, mi sentivo un marionettista.

Facevo piccole cose per stupire la gente e durante la festa mi veniva dato qualche minuto per mostrare ciò che avevo creato.
 
Per diventare un marionettista, tradizionalmente, bisogna avere l'età per essere iniziati.
 
Sono stato iniziato da mio nonno, Bamba Magassouba, ma nelle marionette moderne, è Yaya Coulibaly che mi ha formato a quest'arte moderna che si apre al mondo intero.
 
Sono rimasto con lui, con la famiglia, per quindici anni.
 
Ho lasciato la scuola per stare con lui, e nel 2002 mi ha iscritto nella sua Compagnia per il mio primo viaggio internazionale in Spagna, per il Festival Titirimundi, ma prima di viaggiare a livello internazionale, avevo già fatto molti festival in tutto il Mali.
 
Non ho scelto di andare da lui a causa dei marionette.
 
Il fatto è che Yaya è il fratello minore di mia madre, posso anche dire, come mi ha detto mia madre, che sono nato nella famiglia di Yaya, lui mi ha visto crescere, ha visto anche che mi interessava l'arte delle marionette nel villaggio, che facevo volti di marionette con le lattine.
 
Con lui ho imparato ad animare le marionette: questo non è difficile per me, ma il montaggio delle marionette, quello è molto difficile, bisogna essere un buon scultore, bisogna essere molto ambiziosi per farlo.
 
Ho imparato a manipolare, ho imparato a montare le marionette.
 
Prima di scolpire le marionette, si cerca la storia.
 
Cerco i racconti tradizionali maliani e creo le teste che vanno nello spettacolo: prima di creare le marionette, c'è la storia.
 
Non creiamo per caso.

Da mio zio è tipicamente tradizionale, quando ho voluto creare la mia Compagnia, attraverso i viaggi che ho fatto con Yaya, ho visto diversi tipi di marionette nei diversi paesi dei continenti, ho cercato di fare altri tipi di marionette.
 
Ho cercato di creare il mio stile, la base è il recupero e la mousse.

Mi posiziono tra tradizione e modernità.

YACOUBA MAGASSOUBA
YACOUBA MAGASSOUBA

COMPAGNIE NAMA

press to zoom
YACOUBA MAGASSOUBA
YACOUBA MAGASSOUBA

COMPAGNIE NAMA

press to zoom
YACOUBA MAGASSOUBA
YACOUBA MAGASSOUBA

COMPAGNIE NAMA

press to zoom
YACOUBA MAGASSOUBA
YACOUBA MAGASSOUBA

COMPAGNIE NAMA

press to zoom
1/4

HA FONDATO LA SUA COMPAGNIA DI TEATRO DI MARIONETTE DANDOLE IL NOME NAMA.
COSA SIGNIFICA QUESTO NOME?  

Nama è una maschera tradizionale Malinké che amo molto, che esce quando c'è la festa nel villaggio con tutte le altre maschere.

Mi ha dato l'amore della mia gente, perché ad ogni festa eravamo tutti molto felici.

Fin da piccolo ho sempre custodito il nome Nama nella mia mente, quando sono arrivato a Bamako e ho voluto formare la mia Compagnia professionale, questo è il nome che ho voluto darle, per rendere omaggio e per ricordare la mia infanzia.

La Compagnia Nama ha un locale, io dormo qui, è il nostro posto di lavoro, abbiamo il laboratorio, l'ufficio, il refettorio.

UNA GIORNATA LAVORATIVA NELLA COMPAGNIA NAMA: CON COSA INIZIA E CON COSA FINISCE? 

La mattina siamo 12 persone.

Nella Compagnia abbiamo lo scultore, lo scrittore, il pittore, il costumista, l'operaio del ferro e il saldatore.

Se, per esempio, vogliamo fare una maschera tradizionale e non ho cercato il legno, lo porto e lo scultore comincia a scolpire, quando ha finito, gli diamo la vernice, dopo la vernice cominciamo a vestirla, e alla fine c'è la prova, per capire come la manipoleremo.

Possiamo anche creare una marionetta la mattina prima di mezzogiorno, e iniziare a fare le prove con la marionetta nel pomeriggio.

Se per esempio la facciamo con la gommapiuma, andiamo al negozio, compriamo il materiale, la scolpiamo, e poi proviamo: questo fa parte della modernità.

Creiamo la mattina e nel pomeriggio proviamo.

È davvero facile così.

Compriamo il tessuto, il colore che vogliamo, lo incolliamo con la colla, lo mettiamo al sole e un'ora dopo cominciamo a provare.

Se il testo non è lungo, lavoriamo con l'improvvisazione, possiamo creare un piccolo racconto tra di noi, ma se il testo è lungo ci vuole un po' più di tempo perché dobbiamo impararlo in modo che sia professionale.

Non recitiamo senza musica.

Nella Compagnia ci sono tre musicisti, il resto sono marionettisti, facciamo tutto noi.

Quando sei un percussionista, ci sono momenti in cui puoi diventare un marionettista.

Quando sei uno scultore, ci sono momenti in cui puoi diventare un manipolatore.

Siamo davvero versatili.

Anche i saldatori, nella Compagnia, sono gli stessi manipolatori, sono gli stessi che fanno la pittura, sono gli stessi che fanno i costumi.

Compagnie Nama
Compagnie Nama

Una giornata di lavoro in atelier

press to zoom
Compagnie Nama
Compagnie Nama

Una giornata di lavoro in atelier

press to zoom
Compagnie Nama
Compagnie Nama

Una giornata di lavoro in atelier

press to zoom
Compagnie Nama
Compagnie Nama

Una giornata di lavoro in atelier

press to zoom
1/13

Nel nostro paese, le donne non sono autorizzate a fare marionette: in tutte le feste tradizionali maliane non c'è nessuna donna marionettista in scena.

Ho cercato di portare le donne sul palco e di formare anche loro. 


Al momento abbiamo quattro donne nella Compagnia e abbiamo anche una sezione di formazione, di 16 donne.

Sono due anni di formazione: scrittura, costruzione, regia, arti della marionetta.

Vengono da tutta l'Africa Occidentale: il Mali, la Guinea, la Costa d'Avorio, il Burkina, il Togo e il Benin.

Abbiamo fatto un bando per le candidature, ci sono delle donne che hanno fatto domanda, ne abbiamo scelte 8 della Sotto Regione e 8 del Mali.

Accompagneremo ciascuna di loro a creare il proprio spettacolo.

Abbiamo un festival che si chiama Rendez-vous chez nous a Bamako, e le programmeremo nel festival. 

Attraverso le donne, l'arte della marionetta può davvero arrivare lontano.  

Compagnie Nama
Compagnie Nama

Donne marionettiste in azione e formazione

press to zoom
Compagnie Nama
Compagnie Nama

Donne marionettiste in azione e formazione

press to zoom
Compagnie Nama
Compagnie Nama

Donne marionettiste in azione e formazione

press to zoom
Compagnie Nama
Compagnie Nama

Donne marionettiste in azione e formazione

press to zoom
1/7

CI SONO ELEMENTI NEI VOSTRI SPETTACOLI CHE FANNO RIFERIMENTO ALL'ACQUA?

Nei nostri spettacoli uso Bama, il coccodrillo, per metterlo sulla schiena delle antilopi.

I tre caimani dello stemma della città di Bamako fanno riferimento all'origine della città di Bamako, Bama Ko significa "la schiena del coccodrillo".

Ci sono diversi significati, alcuni dicono che Bamba Ko era una persona che ha fondato Bamako.

Nelle marionette a filo ho animali che vivono nell'acqua, come l'ippopotamo, il pesce... 

Quest'anno abbiamo messo in piedi un progetto, che si intitola : Per la difesa del Signor Niger, con dodici artisti che formeremo nell'arte della marionetta, poi creeremo uno spettacolo, per la protezione del Fiume Niger che attraversa Bamako e che presenteremo in tutti i quartieri di Bamako, e poi a Segou.
 
Per la creazione dello spettacolo ho pensato di chiamare i Bozo, per collaborare con loro per creare le marionette che saranno in acqua.

Lo spettacolo girerà in tutti i quartieri di Bamako che si trovano sulle rive del fiume, e anche nei dintorni di Bamako.

Il progetto dura due anni, lanceremo il bando di candidatura agli artisti che sono interessati, inizieremo con un laboratorio di formazione dell'arte della marionetta.
 
E alla fine di questa formazione, creeremo lo spettacolo.
 
Entro agosto vogliamo iniziare la creazione.

Compagnia Nama
Compagnia Nama

press to zoom
Compagnia Nama
Compagnia Nama

press to zoom
Compagnia Nama
Compagnia Nama

press to zoom
Compagnia Nama
Compagnia Nama

press to zoom
1/6

QUALI ALTRI PROGETTI HA LA COMPAGNIA NAMA?

I nostri temi sono legati alla vita attuale del paese.  

Per esempio, nel mio ultimo spettacolo, Le chat pellerin, quando ho iniziato a pensare al testo, è stato a causa del colpo di stato in Mali e del problema nel nord del Mali.

Abbiamo iniziato a vedere come il gatto e il topo non vadano d'accordo: sono nemici giurati.

Abbiamo pensato a come le persone del nord e del sud non vadano d'accordo.

Alla fine dello spettacolo, il gatto e il topo riescono a riconciliarsi.

Poniamo al pubblico la domanda: "Visto che il gatto e il topo si sono riconciliati, perché non gli umani?"

Compagnia Nama
Compagnia Nama

Spettacolo Le chat pèlerin (Il gatto pellegrino)

press to zoom
Compagnia Nama
Compagnia Nama

Spettacolo Le chat pèlerin (Il gatto pellegrino)

press to zoom
Compagnia Nama
Compagnia Nama

Spettacolo Le chat pèlerin (Il gatto pellegrino)

press to zoom
Compagnia Nama
Compagnia Nama

Spettacolo Le chat pèlerin (Il gatto pellegrino)

press to zoom
1/7

Abbiamo una scenetta che abbiamo creato all'inizio di Covid.

Con i burattini abbiamo fatto un piccolo testo per rendere le persone consapevoli di come proteggersi.

Guardiamo il contesto, il momento che c'è, e facciamo una creazione, oppure prendiamo una storia adattabile a questi momenti.

Misure di prevenzione del Covid - Compagnia Nama

L'idea per noi è quella di andare davvero verso la popolazione, per aumentare la consapevolezza.

In Mali, la maggior parte della società è trascurata, la gente non ha molti soldi per vedere spettacoli, per alcune persone vedere spettacoli è un po' costoso, noi andiamo da loro, per poter presentare il nostro spettacolo. 

Abbiamo le marionette giganti, ci viene chiesto di andare a suonare in quasi tutti i grandi festival del Mali.

Il nostro spettacolo con le marionette giganti, è andato ai Giochi della Francofonia e abbiamo avuto una medaglia di bronzo.

Mescoliamo marionette giganti, tradizionali e moderne, per creare uno spettacolo.

Questa è la nostra capacità, l'evoluzione della nostra arte, mescoliamo tutte le discipline. 


Un altro progetto che abbiamo è quello di formare cinquanta giovani nelle regioni centrali del Mali, dove ci sono molti problemi.

L'anno scorso abbiamo realizzato la prima parte del progetto, con sedici giovani che sono venuti nel nostro laboratorio, e alla fine abbiamo creato otto marionette giganti, ventitre marionette a filo, dieci marionette abitabili e diciasette maschere portatili.

Abbiamo creato uno spettacolo intitolato Pace e Sicurezza.

Nei villaggi, con i ragazzi, dopo lo spettacolo, abbiamo parlato con la gente. 

Abbiamo recitato a Sofara, un paese che è pieno di jihadisti, alla fine il sindaco di Sofara è venuto a dirmi, pubblicamente, che erano tre anni che non si facevano nemmeno cerimonie di matrimonio.

Attraverso le marionette, anche i jihadisti che vivevano nel villaggio sono venuti a vedere, mi sono commosso.

Abbiamo fatto una piccola documentazione video al riguardo.

Siamo stati supportati da una ONG tedesca che si trova in Mali, dato il risultato del progetto, ci hanno chiesto di continuare anche quest'anno.

Tra poco, inizieremo con cinquanta giovani, per creare quattro spettacoli.

Cominciamo con venticinque, poi un altro gruppo di venticinque ragazzi, e ogni gruppo creerà due spettacoli.

Creeremo le diverse marionette attraverso la storia che abbiamo scelto.

Per me, in futuro, la marionetta è un elemento chiave per unire, per fare la pace, per riconciliare tutta la popolazione.

Prendo l'esempio qui: quando c'è un problema nel quartiere, usciamo con le nostre marionette, la gente si distrae, si ferma, ci guarda, si calma.

A partire da questo, mi dico, che in tutto il mondo, l'unica arte che può fermare tutti i problemi è l'arte della marionetta, perché quando ci vedi, tutto quello che stai facendo in questo momento, ti fermi, guardi e ascolti.

L'arte della marionetta è l'elemento chiave della pace in tutto il mondo.

È il miglior strumento di comunicazione sulla terra.

Compagnia Nama
Compagnia Nama

press to zoom
Compagnia Nama
Compagnia Nama

press to zoom
Compagnia Nama
Compagnia Nama

press to zoom
Compagnia Nama
Compagnia Nama

press to zoom
1/8

LINKOGRAFIA ESSENZIALE DI YACOUBA MAGASSOUBA

ANIMATAZINE