MALICK DRAMÉ

ANIMATAZINE

ACQUA

Malick Dramé è attore, musicista, marionettista, originario di Kirango, un quartiere di Markala della provincia di Segou, in Mali.

Fondatore nel 1986 della truppe Nyogolon, prima compagnia teatrale indipendente del Mali che ha messo in scena numerose opere di autori africani contemporanei praticando il KoteBa (teatro utile), una forma teatrale tradizionale a vocazione educazionale (messaggi sociali, igiene, diritti, deforestazione, protezione delle acque) e che si è prodotta in tutta l’Africa, in Europa, in Asia.

Nel 2008 fa parte della Troupe del Popolo Bozo invitata dalla Maison des Cultures du Monde a Parigi per presentare il Sogo-bo, l'uscita tradizionale delle maschere e delle marionette.

Seguendo il filo dell’acqua sulle sponde del Fiume Niger, Malick Dramé ci introduce nella conoscenza del popolo Bozo, un popolo di pescatori detentori di una straordinaria tradizione di maschere e marionette sull’acqua: alla stagione delle piogge, il do bò, “il segreto esce” dalle acque del Fiume Niger, sulle piroghe di legno trasformate in teatrini, con marionette che nuotano sul pelo dell’acqua.
 
Una festività sentita a cui partecipa con fervore tutta la popolazione, per propiziare la buona pesca e la fertilità.

Malick Dramé
00:00 / 00:15

MALICK DRAMÉ, QUALI SONO LE SUE ORIGINI?

Vengo da Kirango, Markala, che è un distretto di Ségou. 

Ségou è la quarta regione economica del Mali.

Fiume Niger, Mali ottobre 1992 -  (Credit: NASA Johnson)
Fiume Niger, Mali ottobre 1992 - (Credit: NASA Johnson)

La piccola città di Markala si trova a sud-est dell'unico ponte che attraversa il Niger che scorre verso nord-est. La maggior parte delle linee che sono visibili su entrambi i lati nord e sud del canale principale del fiume, sono canali di irrigazione. Le grandi aree scure a sud fiume sono campi agricoli irrigati. Questa parte del Mali è una zona di transizione dove il pascolo eccessivo sta cambiando l'aspetto del paesaggio.

press to zoom
MARKALA
MARKALA

Fiume Niger, a Markala, Mali Credit: Christian Lévêque/IRD

press to zoom
SEGOU
SEGOU

Sponde del fiume Niger a Ségou - Mali Credit: Guillaume Colin & Pauline Penot

press to zoom
Fiume Niger, Mali ottobre 1992 -  (Credit: NASA Johnson)
Fiume Niger, Mali ottobre 1992 - (Credit: NASA Johnson)

La piccola città di Markala si trova a sud-est dell'unico ponte che attraversa il Niger che scorre verso nord-est. La maggior parte delle linee che sono visibili su entrambi i lati nord e sud del canale principale del fiume, sono canali di irrigazione. Le grandi aree scure a sud fiume sono campi agricoli irrigati. Questa parte del Mali è una zona di transizione dove il pascolo eccessivo sta cambiando l'aspetto del paesaggio.

press to zoom
1/9

Markala è una città e un comune del Mali, nel cerchio e nella regione di Ségou, sul fiume Niger, 35 km a nord-est della città di Ségou.
Le autorità coloniali del Sudan francese costruirono una diga (solitamente chiamata Sansanding Dam) a Markala per l'irrigazione per sviluppare la coltivazione del cotone, del riso e della canna da zucchero come parte dell'Office du Niger. Inaugurata nel 1947, è diventata la più grande diga di ritenzione d'acqua del Mali.
Ogni anno a marzo si tiene a Markala il Festival delle maschere e delle marionette (Fesmamas).

QUAL'È IL SUO PERCORSO?

Malick Dramé
00:00 / 00:55

Ho fatto i miei studi primari e fondamentali a Kirango, Markala, e dopo gli studi fondamentali sono venuto a Bamako, dove ho fatto l'Istituto Nazionale delle Arti nella sezione Arte delle Marionette dal 1982 al 1986.

Lì ho fondato un gruppo teatrale, che chiamiamo il Gruppo Nyogolon, che fa teatro d'intervento, teatro di sensibilizzazione, mostriamo opere di autori africani, maliani e contemporanei.

Giro molto, sono stato in molti paesi, sono stato in Europa, Asia e Africa.

Malick Dramé
00:00 / 00:55

Sono un attore, un musicista, un marionettista.

L'arte è un tutto: un ottimo attore deve essere un buon musicista, e un buon marionettista, un buon ballerino e un buon cantante.

Il teatro di marionette è un tutto: è accompagnato da musica e danza e gioco scenico.

Malick Dramé

Malick Dramé nell'atelier della Compagnia Nama,
con in mano il personaggio Y’a torons - Bamako 

PUÒ PARLARCI DEL POPOLO BOZO E DELLE FESTE SOGO BO?

Malick Dramé
00:00 / 01:12

I Bozo sono un'etnia che vive sull'acqua, dove tutto è legato all'acqua.

Vivono dei prodotti dell'acqua, cioè pescano, estraggono sabbia e ghiaia per il bene dei cittadini, vivono essenzialmente sull'acqua.

Questo è ciò che chiamiamo Bozo.

Le celebrazioni del Sogo Bo sono ogni anno: tutti organizzano celebrazioni tradizionali, ed è in queste celebrazioni tradizionali che escono fuori maschere e marionette.

Sogo Bo significa "l’uscita di sogo", sogo sono le maschere, e letteralmente sogo significa animale.

Possono essere animali acquatici, animali domestici e così via.

4379936470_5b41b0bfbc_k.jpeg

Foto: Mary Newcombe, Presso Ségou, Mali 2010

Malick Dramé
00:00 / 01:10

QUAL'È IL LEGAME TRA LE MARIONETTE E L'ACQUA?

I Bozo generalmente fanno la loro festa sull'acqua, le marionette sono nelle piroghe, tu conosci le piroghe no?

Le marionette sono nelle piroghe e vanno lungo il villaggio.

Lungo il villaggio ci sono tutti, assistono all'evento.

I Sogo, le marionette, sono nelle piroghe, ballano accompagnate da canzoni, e suoni di tam-tam specialmente, lungo tutto il villaggio.

È una festa che tutti aspettano, è annuale, in un certo periodo dell'anno, quando c'è un po' di piena e c'è molta acqua sul Fiume Niger.

Le marionette sono nella piroga, anche il Sogo, e vanno lungo il villaggio, e tutti sono lì, donne, bambini, anziani, assistono all'evento gratuitamente, è popolare.

Schermata 2022-03-25 alle 15.57.54.png
Malick Dramé
00:00 / 01:04

Tradizionalmente, ogni anno, la gente aspetta che le maschere e le marionette escano sull'acqua.

E gli facciamo sapere che gli animali arriveranno, o dal nord o dal sud, e vengono a divertirci, e poi se ne vanno, perché dopo gli spettacoli le maschere e le marionette sono nelle piroghe, e tornano indietro, vanno molto lontano dal villaggio; li vediamo partire e gli chiediamo di tornare sani per l'anno prossimo; e va avanti così...

Tutta la sera...

Tutta la sera, e tutti sono felici, cantiamo...

Balliamo...

Siamo a nostro agio...

Siamo molto felici!

PUÒ RACCONTARCI UNA STORIA LEGATA AL FIUME NIGER? 

Malick Dramé
00:00 / 01:51

Le marionette e le maschere hanno dei miti, e io vi racconterò una storia.

In un villaggio di Ségou chiamato Sama, c'erano due gemelli, uno era un serpente e l'altro era un uomo.

Il problema era che la donna non doveva vedere il serpente nascosto dal fratello in una capanna, e purtroppo, un giorno la donna aprì la porta e vide il serpente...

E il serpente andò a nord, attraversò tutti i villaggi sulle rive del Fiume Niger, ed entrò in un lago, chiamato Débo, a Mopti.

E questo serpente, secondo la storia, si trasformò in una mucca.

I pescatori vengono tutto l'anno sul bordo di questo lago, il Dèbo, e sembra che di notte, il serpente trasformato in mucca, si avvicini alle mucche, e se si accoppia con una mucca della tua mandria, lì hai tutte le possibilità di avere molti molti molti animali...

Tutti conoscono questa storia da Ségou a Mopti, la storia che vi posso raccontare, che è legata all'acqua, eccola...

LAGO DEBO MALI
LAGO DEBO MALI

Credit : zerty31

press to zoom
LAGO DEBO MALI
LAGO DEBO MALI

Case di fango sull'isola centrale del lago Debo, un ampio tratto del fiume Niger, in Mali Credit: Jialiang Gao

press to zoom
LAGO DEBO, MALI
LAGO DEBO, MALI

Tramonto sul lago Debo, Mali Credit: Lee Drage

press to zoom
LAGO DEBO MALI
LAGO DEBO MALI

Credit : zerty31

press to zoom
1/4
Malick Dramé
00:00 / 02:14

Per riassumere: maschere e marionette.

Le maschere sono chiamate qui in Mali i Sogo.

Le marionette si chiamano Mɔgɔnin, Maanin che significa "piccoli uomini": le marionette si chiamano piccoli uomini.
 
Generalmente, queste maschere e marionette si vedono intorno alle associazioni tradizionali, ogni fine anno, ci sono feste tradizionali che vengono organizzate, tutti sono lì, dal capo villaggio all'ultimo del villaggio, tutti sono lì, e partecipano alla festa...
 
Oggi, abbiamo adattato le maschere e le marionette alla scena; perché le maschere e le marionette?
 
In modo che la gente possa ricordare certi animali, che sono in pericolo d’estinzione...
 
Oppure rappresentiamo la colonizzazione per esempio, il lavoro forzato, e la lotta contro l'escissione, la proliferazione delle armi e così via... questo è fondamentalmente il contesto in cui possiamo mettere la marionetta e la maschera.

Si inserisce nella formazione dell'attore, e partendo da questa tecnica, possiamo risvegliare la gente, e può essere redditizio, perché attualmente ci sono troupes che si creano un po' ovunque, intorno alla marionetta e alle maschere.

Questo è fondamentalmente quello che sono riuscito a raccogliere per voi, grazie mille.

Dog-Fish (Wulujègè)
Dog-Fish (Wulujègè)

Foto: Elisabeth den Otter - in THE SECRET COMES FORTH, The Depiction of Bozo and Bamanan Animals in Malian Puppetry

press to zoom
Marionetta abitabile
Marionetta abitabile

Foto: Malick Dramé

press to zoom
Marionetta abitabile
Marionetta abitabile

Foto Malick Dramé

press to zoom
Dog-Fish (Wulujègè)
Dog-Fish (Wulujègè)

Foto: Elisabeth den Otter - in THE SECRET COMES FORTH, The Depiction of Bozo and Bamanan Animals in Malian Puppetry

press to zoom
1/4

LINKOGRAFIA ESSENZIALE DI MALICK DRAMÈ